bann blunet gen17 728 90

Chi è Roberto Gentile

rgentile-bn.jpg

R.GENTILE SCRIVE SU NETWORK NEWS

CHI VA E CHI VIENE

IL NETWORK DEL MESE

L’AGENZIA DEL MESE

Poche settimane fa Adriano Meloni ha lasciato Expedia Italia: il posto di amministratore delegato è vacante e la gestione del mercato italiano è stata presa, ad interim, dalla sede internazionale. Non è il semplice avvicendamento di un manager: nel 2001 la versione italiana di Expedia è stata lanciata proprio da Meloni. Italiano di nascita ma con un percorso formativo internazionale (Bachelor of Arts alla George Washington University, MBA all’Insead di Parigi e un’esperienza manageriale in Spagna), diventa per caso cliente del sito americano, creato da Microsoft nel 1996, quotato al NASDAQ nel 1999 e successivamente rilevato da Interactive Corp. Ecco come Meloni racconta gli inizi: “Mi piaceva l’idea di portare Expedia in Italia, trovavo il sito uno strumento innovativo per organizzare le vacanze. Però il progetto si è concretizzato solo dopo un’attenta riflessione sulle differenze tra il mercato USA e il nostro: gli italiani amano viaggiare, ma gradiscono un prodotto personalizzato, con itinerari e tempi su misura, e un buon rapporto prezzo/prestazioni. Per questo abbiamo iniziato vendendo solo hotel, certi che la scelta ampia e la navigabilità del sito avrebbero fatto breccia”. Così è stato: nel 2001 Expedia Italia aveva due dipendenti (uno era l’a.d.), oggi sono oltre cento. La prossima sfida di Meloni: responsabile per il progetto di sviluppo estero del tour operator Albatravel.

 

Due manager di lungo corso hanno deciso di mettere a frutto la propria esperienza e creare una società di consulenza turistica: è appena nata, a Milano, la White Consulting di Enzo Carella, ex direttore commerciale di Valtur e Ventaglio, e PierLuigi Taliento, ex direttore generale Club Med Italia. “White perché il bianco è un colore solare, perché il nome “suona bene”, perché ce l’ha suggerito il nostro primo cliente” rivela Taliento. Prestigiose le committenze, a cominciare da MSC Cruises e Sprintours.

 

Luigi Manzi è il nuovo responsabile dei Network SoloMondo ed EasyTravel, di proprietà di Stefano Farese e Monica Tura. Collega di grande esperienza, Manzi proviene dal mondo crocieristico, avendo gestito per oltre quindici anni l’ufficio di Padova di Costa Crociere, quale area manager Triveneto, Emilia Romagna e Marche; ha successivamente ricoperto il ruolo di direttore vendite Italia di Festival Crociere.

 

marcegaglia.jpgEmma Marcegaglia succede a Luca Cordero di Montezemolo quale presidente di Confindustria, prima donna in questo ruolo, ma anche prima imprenditrice con forti interessi nel settore turistico. Marcegaglia Tourism, infatti, divisione turistica del gruppo industriale leader nell’acciaio, possiede e amministra tre resort: Albarella, isola privata situata nella laguna di Venezia; Pugnochiuso sul promontorio del Gargano in Puglia e Le Tonnare di Stintino, in Costa Smeralda.

 

Due ritorni alla grande ribalta, protagonisti due manager di lungo corso molto conosciuti dagli addetti ai lavori. Claudio Ardigò, ex Alpitour e i Grandi Viaggi, ritorna nel tour operator milanese guidato da Luigi Clementi in qualità di Responsabile Vendite Nord Italia. Dopo un’avventura imprenditoriale in un tour operator di nicchia, Ardigò ritrova in iGV un collega, oggi suo capo, con il quale divise la militanza Alpitour negli anni ’90: il direttore commerciale Massimo Zanon.
Proviene da Alpitour (inesauribile fucina di talenti) anche il cuneese Giancarlo Botta, richiamato da Guglielmo Isoardi, ex proprietario del t.o. della Provincia Granda, oggi imprenditore alberghiero e attivo nella distribuzione con Halley Partecipazioni. Il ruolo è il medesimo ricoperto per anni in Alpitour, ovvero Direttore Prodotto; il progetto è quello che vede Isoardi azionista di minoranza, ma “garante” e promotore, del gruppo cui fanno capo le reti G40 e BravoNet. “L’arrivo di Botta testimonia il fatto che il progetto non era finalizzato solo ad incrementare il numero di agenzie di viaggi affiliate, ma a stabilire nuovi rapporti con gli interlocutori del mondo del turismo” recita una nota “Non rientra nelle strategie la realizzazione di prodotto in house, ma la collaborazione con i t.o. partner nella creazione di pacchetti che riducano i loro rischi e siano più adeguati alle esigenze del mercato e delle agenzie affiliate”.