bann blunet gen17 728 90

Chi è Roberto Gentile

rgentile-bn.jpg

R.GENTILE SCRIVE SU NETWORK NEWS

bann m e partners dic2018 160 124

CHI VA E CHI VIENE

IL NETWORK DEL MESE

L’AGENZIA DEL MESE

pesenti_scortichini_granese.jpgSeaNet Travel Network ha appena esordito, ma conta sull’esperienza più che ventennale dei suoi fondatori: Andrea Pesenti, direttore commerciale, per molti anni nello stesso ruolo in CTS Viaggi; l’amministratore unico Ludovico Scortichini, fondatore di Tour 2000 di Ancona e oggi Go Asia T.O. e Go Australia T.O., con trascorsi come presidente di Federturismo Marche; proprio a Federturismo fa riferimento  il responsabile formazione e comunicazione, Francesco Granese, da diversi anni direttore di Confindustria Assotravel. Punta sulla formazione la rete con direzione commerciale a Roma e base operativa e sede legale ad Ancona. “Poche agenzie dispongono di un database segmentato dei propri clienti, sanno come rendersi visibili sui social media oppure come fare marketing territoriale. Abbiamo in calendario una cinquantina di corsi, entro l’anno, tre sono inclusi nella fee annuale, gli altri non costano più di 200 euro, anche finanziabili” spiega Scortichini. Né costi d’ingresso né royalties sulle vendite: per entrare in SeaNet le agenzie pagano una fee di 1.000 euro l’anno, recuperabile con bonus dai fornitori, e sono previste over-commission al raggiungimento degli obiettivi di vendita. “Abbiamo accordi commerciali coi maggiori t.o.” spiega Pesenti “Ma sono solo la base di partenza: alla nostra rete proponiamo anche operatori di nicchia, vettori low cost e booking engine, GDS e piattaforme informatiche, provider alberghieri e distributori di biglietteria per eventi e spettacoli, sino alle guide turistiche”. Una cinquantina di adesioni in cantiere, 150 le agenzie previste entro il 2011, soprattutto nel Centro Sud. www.sea-net.it

 

rinaldo-bertoletti.jpgOne! Travel Network di Brescia è la prima rete nata nel secondo decennio del III millennio, potrebbe essere di buon auspicio. E chiamarsi One! (ovvero “Uno” con tanto di punto esclamativo) presuppone che non si punti a una posizione di rincalzo, nel frastagliatissimo (vedi “Se 122 network non vi bastano...” nelle News) mondo dei network italiani. Il presidente Ambrogio Bernasconi, il dir. prodotto Gianluca Martinotti, il dir. commerciale Agatino Falco e l’a.d. Rinaldo Bertoletti (nella foto a sinistra) sono imprenditori di lungo corso, attori principali nella fondazione di G40 Travel Group. A loro si affianca Marco Nova, a.d. di B’nT Italia, con precedenti di alto livello nel business travel. Questa è la squadra, nessun manager esterno. 28 le agenzie fondatrici e una dote di 100 milioni di euro di venduto. “One! Travel Network prende origine dalle idee che sette anni fa realizzammo con G40: alla luce di quanto abbiamo imparato, abbiamo corretto il tiro” racconta Rinaldo Bertoletti “Valuteremo con attenzione la qualità delle agenzie che vorranno affiliarsi: non chiediamo un fatturato minimo, ma esperienza, radicamento sul territorio e potenziale di crescita. E che non appartengano ad altri gruppi, in franchising o altro”. Il contratto One! Travel Network ha durata biennale, quota base di 1.200 euro, né royalties né fee. www.onetravel.me

 

nuovevacanze-logo.jpgNuovevacanze è il marchio di Nuovevacanze Srl, rete milanese fondata nel 2007 da tre soci: Luca Buggio, l’a.d Riccardo Zanrei e il presidente Corrado Lupo, tutti con precedenti esperienze come agenti di viaggio. Ottantuno le agenzie dislocate in Piemonte, Veneto, Liguria, Marche, Abruzzo, Lazio, Campania e Sicilia, con la Lombardia a fare la parte del leone con 38 agenzie. Nuovevacanze è una rete mista, con 4 agenzie di proprietà (Milano, Saronno, Vercelli e Santa Vittoria d’Alba (Cn), una in franchising in provincia di Varese, a Solbiate Olona, e 76 affiliate come agenzie indipendenti. Per il franchising (diverse le aperture a breve)  e l’affiliazione commerciale, ogni agenzia può scegliere tra tre opzioni: Formula Più, Formula Super Più e Super Più Gold. “Investiamo molto in tecnologia” dichiara Corrado Lupo “e siamo molto vicini alle esigenze delle nostre agenzie: per questo siamo cresciuti così tanto in soli due anni, in un periodo obiettivamente difficile per il nostro settore”. www.nuovevacanze.it

logo-gira_mondo_pay.jpgagenzia-giramondo.jpgSono almeno tre i primati di GiraMondo Viaggi, agenzia fondata a Verona nel 1979 da Marco Armellini, tuttora proprietario e presidente, al quale negli ultimi anni si è affiancata la figlia Arianna, che si occupa di comunicazione e marketing. Spetta proprio ad Armellini il merito di aver lanciato - per primo in Italia - l’affiliazione in franchising per le agenzie di viaggi, nel 1988. Secondo, GiraMondo è il network italiano con la maggiore anzianità di servizio, avendo ormai doppiato la boa dei vent’anni. Terzo, è l’unico network ad avere esportato la propria formula all’estero, avendo aperto agenzie in Spagna, Bulgaria, Marocco, Croazia, Svizzera e addirittura al di là dell’Oceano, in USA e in Perù. Dopo una crescita esplosiva alla fine degli anni ’90 (250 agenzie aperte in un solo anno, nel 1998-99) e un picco di 600 agenzie attive, tutte rigorosamente in franchising, oggi il ritmo è un po’ calato (come tutto il mercato). L’insegna GiraMondo Viaggi, infatti, caratterizza circa 450 agenzie in tutta Italia, anche se - verificandole una a una sul sito e sui data-base di cui networkn-loghetto.gif dispone - ne risultano operative solo 241. www.giramondoviaggi.it

 

iparc_2.jpgiparc_logo-ok.jpgRequiem per un (altro) network. A maggio (vedi networkn-loghetto.gif n.15) avevamo dedicato una prece a Buon Viaggio Network, stavolta tocca alla meno blasonata Iparc Viaggi di Bergamo. Nata come nel 1991 come emanazione dell’Ipas, associazione nazionale che si occupa di attività sociali, Iparc (Istituto Permanente Attività Ricreative e Culturali) è prima agenzia di viaggi, poi tour operator specializzato in vacanze invernali, gite di un giorno, soggiorni economici, per una fascia di popolazione debole, come anziani e studenti. Nel 2007 circa 350 agenzie, alcune di proprietà, distribuivano il prodotto Iparc. Il 2 ottobre 2009 il Tribunale di Bergamo ha dichiarato il fallimento dell’Ipas, coinvolgendo quindi l’Iparc, che ne ha causato l’insanabile dissesto. “Nell’aprile scorso abbiamo firmato un contratto importante con un grosso tour operator” racconta all’Eco di Bergamo il fondatore e titolare Ugo Benedetti “In forza di questo impegno ci siamo esposti con due banche cittadine, ma poco dopo il tour operator ha fatto marcia indietro, il contratto è decaduto, noi ci siamo trovati senza mezzi per onorare gli impegni. Abbiamo invocato pazienza, abbiamo chiesto tempo, ma le banche non ci hanno ascoltato e hanno presentato istanza di fallimento”. Già sentita, questa storia. “E l’assurdo è che mentre noi paghiamo con il fallimento, il tour operator che ha causato il dissesto non ha subito alcuna conseguenza” conclude amaro Benedetti.