bann blunet gen17 728 90

Chi è Roberto Gentile

rgentile-bn.jpg

R.GENTILE SCRIVE SU NETWORK NEWS

CHI VA E CHI VIENE

IL NETWORK DEL MESE

L’AGENZIA DEL MESE

ventaglio 2 carella qEra la notizia meno segreta della storia, visto che tutti lo sapevano da mesi, ma finalmente - il 5 luglio 2017, nella lussuosa cornice milanese dell’Excelsior Hotel Gallia - Enzo Carella, manager di lungo corso con recenti trascorsi in Uvet ha tenuto a battesimo la “nuova” Ventaglio. Cosa l’autore di questa newsletter pensi dei t.o. resuscitati è scritto qui, e risale al marzo scorso. La cronaca dell’evento la leggete qui, pertanto mi limito a due osservazioni a latere. Primo, gli obiettivi della start-up, come l’hanno definita gli azionisti stessi, sono apertamente dichiarati (clicca qui) e molto, molto ambiziosi. Per accogliere 100.000 ospiti, generando un giro d’affari di 60 milioni di euro nel 2017, visto che siamo a luglio, il neonato booking dovrebbe produrre, nei 40 giorni che restano di alta stagione, circa un milione al giorno. Wow. Sul nuovissimo sito di Ventaglio www.ventaglio.it viene assicurato (clicca sempre qui) che “Le agenzie VentaPoint, ambasciatrici della filosofia Ventaglio sul territorio, assicurano la migliore conoscenza delle destinazioni e dei prodotti”. Testuale. Quali agenzie VentaPoint?! Eravamo rimasti al 2010, quando anche Luigi Porro, all’epoca a.d. Ventaglio Retail, lasciava il vascello Ventaglio (quell’altro), che affondava, e le VentaPoint al loro ineluttabile destino. Attendiamo aggiornamenti su Vacanze nel Mondo.

 

soglia gerardoCaduto ormai nel dimenticatoio, l’imprenditore salernitano Gerardo Soglia conta nefasti trascorsi nel nostro settore - CIT, Soglia Hotels, Buon Viaggio Network - e nessuno ne sente la mancanza, soprattutto i lavoratori del network fondato da Enrico Scotti e Paolo Chelofallito miseramente nel 2010. Invece rispunta fuori per merito del Mattino di Napoli, che Il 23 giugno 2017 riferisce che la Corte di Cassazione (ultimo grado di giudizio di un processo che si trascina da anni) ha definitivamente attribuito a Soglia il reato di bancarotta fraudolenta e inflitto la condanna a tre anni e tre mesi di reclusione per il crac Buon Viaggio. Il giorno dopo, il resiliente Soglia dichiara al quotidiano web Salerno Notizie: “Sono a piede libero e non mi sono costituito in carcere. Non ho ricevuto al momento in cui sto scrivendo nessuna ordinanza di carcerazione”. Non è ancora finita.

 

schiavuta vairoÈ Manuel Schiavuta, direttore vendite Italia di Valtur, a sancire la fine di Star Travel Network: “Star apparteneva al vecchio corso, ha cessato l’attività a fine 2016, le agenzie affiliate sono libere da ogni vincolo dal 2 gennaio di quest’anno”. Uscita di scena in sordina per il network nato ai tempi della Valtur di Franjo Ljuljdjuraj, guidato da Giorgio Lotti, ora in Futura Vacanze, e del quale esattamente un anno fa ci parlava Diego Borrelliora in Bluvacanze. “Star Travel Network? È lì, non abbiamo ancora deciso cosa farne” dichiarava al TTG Carlo Gagliardi, presidente Valtur, a ottobre 2016, ma si era capito che alla “nuova” Valtur il network in-house non interessava. “In passato Valtur era molto legata a CRAL e associazioni, meno alle agenzie” spiega Schiavuta “Ora vogliamo rimettere al centro il rapporto con network e agenzie indipendenti”. E lo fa in BIT 2017, in occasione della presentazione dei partner di TrustForce di Gian Paolo Vairo (a destra, nella foto). É alla forza vendite della nuova società di distribuzione pluri-brand che Valtur affida la commercializzazione in alcune aree della penisola, non presidiate direttamente. Un nuovo corso, sotto molti aspetti.

 

burgio gabrieleinfografica alpitouragenzia via romaDa leggere assolutamente l’intervista rilasciata dal presidente e a.d. Alpitour Gabriele Burgio La Stampa di Torino, il 3 luglio 2017. I festeggiamenti per il 70^ anno del t.o. “leader delle vacanze”, il raddoppio del fatturato in cinque anni, il milione e trecentomila passeggeri trasportati da Neos, la fondazione di Alpitour France, le destinazioni del futuro come Albania e Vietnam, l’incoming coi sempre più numerosi turisti cinesi e il ritorno di quelli russi: insomma, un’intervista di ampio respiro, con tanto di infografica “L’azienda in cifre” (ricavi, Ebitda, dipendenti, numero aerei Neos e alberghi VOIhotels). Non manca qualcosa? Beh, nessuna citazione per Welcome Travel e Geo Travel Network (leggi qui l’editoriale del CEO Luca Caraffini), nessun accenno alla distribuzione, ovvero a chi vende i pacchetti Alpitour, i voli Neos e le stanze dei VOIhotels. Strano, per un’impresa che - esattamente 70 anni fa - nasceva come “Agenzia Alpi” di Lorenzo Isoardi, sotto i portici di via Roma, a Cuneo.

 

gattinoni barroero qLa notizia risale a marzo 2017 e ha avuto, come sempre quando il Gruppo guidato da Franco Gattinoni fa qualcosa, ottima copertura mediatica. Riassumendo, Gattinoni Mondo di Vacanze Srl ha rilevato il 30% delle quote di Lab Travel Srl, la società con sede a Cuneo fondata e guidata da Ezio Barroero (in foto a sinistra), che dal 2009 controlla Euphemia Personal Voyager, la rete di consulenti di viaggi indipendenti fondata dall’emiliano Michele Zucchi. Perché Gattinoni, ormai non lontano dal traguardo delle 1.000 agenzie ha deciso - solo ora - di investire in un settore nel quale la concorrenza (vedi i PTS di Uvet) è attiva già da tempo? Per tre motivi. Primo, l’esperienza, come dichiara lo stesso Franco Gattinoni: “Non abbiamo mai voluto formare consulenti di viaggi ‘in casa’, perché convinti che ci voglia un know-how specifico. Euphemia è il progetto più valido tra quelli presenti sul mercato, con grandi professionisti”. Vero, visto che i consulenti Euphemia anni di esperienza ne hanno non meno di 10/15, alcuni più di 25. Secondo, i numeri. Nel 2016 i personal voyager di Euphemia han generato 25 milioni di euro di vendite, ma la metà di loro (una trentina) ne ha prodotto il 75%, con una media di 600.000 euro a testa (in linea con quanto un buon banconista produce in agenzia). Terzo, le sinergie. Gli attuali 78 consulenti Euphemia risiedono essenzialmente nel nord Italia, da Firenze in su, dove si trova gran parte delle 32 agenzie di proprietà Gattinoni. Consulenti e agenzie lavoreranno insieme sul consumatore finale, senza discutere, perché fanno capo a una proprietà in comune . I network che cercano di far andare d’accordo consulenti di viaggi e agenzie indipendenti, è noto, qualche problema in più ce l’hanno.