Chi è Roberto Gentile

rgentile sett21

L’EDITORIALE DI ROBERTO GENTILE

bann nicolaus feb22 160x124

CHI VA E CHI VIENE

IL NETWORK DEL MESE

L’AGENZIA DEL MESE

renato scaffidiE' un ritorno alla base, quello di Renato Scaffidi, torinese, classe 1962, oltre 30 anni di carriera come imprenditore e manager turistico, sviluppata soprattutto nel tour operating (Settemari, Teorema, Boscolo, Viaggi del Ventaglio, Marevero) e remoti trascorsi anche nella distribuzione (vent’anni fa conduceva la rete Colors World). Trasferitosi nel 2012 in America Latina (dove ha lavorato per il Grupo Cocha in Cile e per Solways Leisure in Colombia) da settembre 2018 Scaffidi è il country manager Italia della compagnia iberica Air Europa.

 

silvio paganiniTrainline ha annunciato la nomina di Silvio Paganini come head of supply per l’Italia. A lui spetterà gestire le relazioni con le compagnie di trasporti e creare nuovi contatti con i vettori ferroviari e gli operatori del coaching. Trainline Sas, società per azioni con sede a Parigi, è “l’app per viaggi in treno nonché il rivenditore indipendente di biglietti ferroviari leader in Europa: 144 compagnie ferroviarie, 127.000 viaggi venduti al giorno, 36 Paesi coperti, un team di oltre 500 persone di 48 nazionalità differenti” recita il sito. Paganini è manager di grande esperienza: prima in Parmatour / Sestante Business Travel, quindi dodici anni in Travelport come general manager Italy & Malta, nel 2017 ha fondato ENJOY - My Travel Network. Rete con sede a Roma, formata da 90 agenzie indipendenti, della quale il co-fondatore e presidente Giorgio Zuccati, direttore commerciale del gruppo DST Diffusione Servizi Turistici di Verona, assume ora l’incarico di amministratore unico.

 

trivellon giorgio qNon è un caso che Giorgio Trivellon abbia lasciato Club Med proprio alla vigilia del Grand Opening di Cefalù, il primo viaggio a cinque Tridenti d'Europa. Entrato nel Club nel 1990, ancora di proprietà del fondatore Gilbert Trigano, si era inizialmente occupato di risorse umane, per poi passare stabilmente alla direzione commerciale, lavorando a fianco di manager come Giorgio Palmucci e Pierluigi Taliento. Dopo una paretesi in Valtur, rientra in Club Med nel 2012, come responsabile vendite a fianco di Gino Andreettafedele a uno dei pochi “love brand” del settore turistico. “Non lascio perché ho qualcos’altro, ma perché sono sicuro che sia la decisione giusta da prendere in questo momento. Il tutto in accordo con l’azienda, che ha avviato una riorganizzazione aziendale finalizzata a nuove forme di distribuzione, in linea con l’evoluzione del mercato turistico”. Forme con le quali Trivellon non va completamente d’accordo.

 

jelinic e de ria qNon è la prima donna al vertice di Fiavet, la più blasonata associazione di categoria del settore, visto che in passato si sono avvicendante Donatella Marai (inizio anni 2000) e Cinzia Renzi nel 2010-12. Ma la giovane Ivana Jelinic, di origine croata e cresciuta in Umbria, titolare di Igei Viaggi, presidente Fiavet Umbria e vicepresidente Fiavet Nazionale durante il triennio di Jacopo De Ria, eletta con soli due voti di scarto presidente Fiavet per il 2018-2021, è una tipa tosta. Non solo per le origini slave, non solo per essersi fatta da sola (infatti ha chiamato l’agenzia con le sue iniziali), non solo per aver accettato di succedere a un presidente assertivo pure lui, il fiorentino De Ria. Ma perché, appena insediatasi, ha sostituito il segretario generale Matteo Fortunati col fedele segretario umbro Giovanni Rubeca; si è vista negare l’endorsement (e magari pure un mazzo di fiori, essendo una signora...) dal candidato sconfitto Ernesto Mazzi, peraltro appena rieletto presidente Fiavet Lazio, e da quattro regionali (Campania e Basilicata, Emilia Romagna e Marche, Lombardia e Lazio); ha annunciato di aver definito, con Assoviaggi, “un nuovo modello contrattuale per la compravendita di pacchetti e servizi turistici, in vista della scadenza del 1° luglio 2018, che sancirà l’entrata in vigore della nuova direttiva europea per la vendita dei viaggi”. Beata gioventù.

 

adriano e virginia qIl 27 marzo 2018 Repubblica.it Roma riporta la dichiarazione di Adriano Meloni, assessore uscente allo Sviluppo economico, Turismo e Lavoro di Roma Capitalein carica da ottobre 2016: “Avevo deciso di allontanarmi dalla giunta già a luglio 2017, ho un'azienda (Trydoo - ndr) da portare avanti e due anni di lontananza dal mio lavoro sono tanti. Mi piace occuparmi di Roma, che è la mia città, ma non posso più trascurare la mia azienda né la mia famiglia, che vive a Milano”. Pronta la replica di Andrea Coia, presidente della commissione Commercio del MoVimento Cinque Stelle, con cui Meloni ha più volte discusso: ”ll prossimo sarà un politico M5s, basta tecnici”. Detto fatto, sarà Carlo Cafarotti, ingegnere e attivista M5s, ex delegato della sindaca Virginia Raggi all’VIII Municipio ed ex consigliere del V Municipio, il successore di Meloni. Esperienza nel turismo (come si desume dal CV pubblicato sul sito di Roma Capitale) pari a zero.